L’ARCOBALENO

Di che colore è l’arcobaleno? Oppure “un nuovo arcobaleno”.

Che domanda! E’ formato dai sette colori dell’iride: rosso, viola, blu, indaco, giallo, arancio, …. Non ricordo l’ultimo. Forse sarà il marrone… quello della pelle dei neri, anzi… dei negri.

Sì, i negri: accezione negativa e dispregiativa di esseri umani, che hanno il colore della pelle molto più caldo del nostro slavato e freddo “BIANCO”. Ma qual è il colore della pelle di un negro? Può andare dall’ intenso lucido e brillante del marron glacè al bronzeo anticato di una splendida statua epica. Ed allora perché lo chiamiamo nero?

Avete visto un bambino di colore giallo? Giallo limone, giallo canarino o giallo cinese? I cinesi sono di pelle gialla. Nella scala cromatica del mio tintore non ho riscontrato un solo giallo che assomigliasse alla pelle di un cinese! Però… i pellerossa sono… rossi.

Già. Rossi. Dalla vergogna di aver stabilito contatti e firmato accordi capestro con noi bianchi. Ma non ricordi il film “Corvo Rosso: non avrai il mio scalpo” ? Si autodefiniscono loro così… e poi… sono così incivili e primitivi! Per fortuna che di verde ci sono solo l’incredibile Ulk e le tartarughe Njngia …

Insomma, che vuoi? Non sono certo io che ho stabilito che ci sono varie razze a seconda del colore della pelle! Lo dicono i libri, gli atlanti geografici, la storia, persino il premio Nobel per la scoperta del DNA condivide l’idea che le razze non bianche sono inferiori!!!!!!! In special modo i neri. Anzi,…. i negri.

Chissà poi perché tutti i poveri del mondo hanno la pelle di colore diverso e più scuro della nostra candida pelle bianca? Specialmente i bambini…

Allora io chiedo:

Ma la pelle di un bambino diventa più morbida e fragile in funzione della quantità di melatonina secreta dalle sue ghiandole??? Non sarà che un bambino è tale in ogni latitudine e merita la stessa attenzione ed amore?

Possiamo cambiare i colori dell’arcobaleno se destrutturiamo i nostri stereotipi giudizi sul colore della pelle ed il loro significato.

Nel mio arcobaleno preferisco mettere:

il nero dei bambini africani denutriti, malati, orfani, l’olivastro dei creoli delle favelas, il beige-nocciolato dei bambini cinesi sfruttati nel lavoro, il rosa sbiadito dei bambini bielorussi rinchiusi negli orfanotrofi in seguito a Cernobil, l’ambrato dei bambini di strada bulgari e room, oltre che tutti gli altri colori di tutti i bambini usati, abusati, traditi, dimenticati, feriti, spariti, naufragati nel mare di noi adulti.


Articolo scritto da Gigliola Fiorin, insegnante nella scuola primaria.

Attenta e sensibile agli aspetti e alle problematiche dell’intercultura, referente, presso l’istituto comprensivo “Dante Alighieri” di Lumezzane (Brescia), della commissione per il coordinamento di buone pratiche interculturali all’interno della scuola.

 

L’ARCOBALENO

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + 9 =