GIOCHIAMO AD ESSERE GENTILI?

Il 21 settembre  ricorre  la Giornata Internazionale della Pace, e a scuola si è pensato bene di partecipare ad una straordinaria iniziativa nazionale: la seconda giornata dei Giochi della Gentilezza.

L’esperienza è stata promossa dall’Associazione Culturale Cor et Amor,  che si occupa di diffondere la conoscenza e la pratica della gentilezza attraverso il gioco.

Come si legge nel sito dell’associazione “La Giornata Nazionale dei Giochi della Gentilezza è una ricorrenza nata per festeggiare e ricordare la pratica della gentilezza”.

Ques’anno il motto è stato: “circondare i bambini di pace”. Come? Giocandoooooo!!!!!!

E noi della scuola primaria di Cesinali, dalle prime alle quinte, non ci siamo lasciati sfuggire questa gentilissima occasione, per riflettere e praticare Gentilezza.

Abbiamo scelto dei giochi, proposti dall’Associazione, e  aggiunto qualche attività grafrico/pittorica.

Nelle  seconde ho proceduto in questo modo:

  • presentazione e riflessione de L’Alfabeto dei Sentimenti, di Janna Carioli, illustrato dalla mia preferita Sonia Maria Luce Possentini, edito da Fatatrac;
  • pensieri dedicati alla Gentilezza scritti al momento dai bambini;
  • “Chi è Van Gogh?”: staffetta di disegno senza l’uso della gomma;
  • “Ti regalerei”: si pensa e si comunica cosa si regalerebbe al compagno o alla compagna sedut* accanto;
  • Naufraghi amici: tutti devono salire sulle scialuppe, nessuno deve restare in mare.

Divertimento assicurato, gentilezza diffusa.

#siamoinseconda

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

GIOCHIAMO AD ESSERE GENTILI?

Giovanna Mauro

è ideatrice e curatrice di mondodiluna.it. Insegnante di scuola primaria, presso l'I.C. di Aiello del Sabato (Av), é appassionata lettrice ad alta voce di storie per l'infanzia. Legge per strada, nei parchi, nelle librerie e ovviamente in classe. Promuove progetti dedicati all'uso degli albi illustrati nella pratica didattica. Ha collaborato con l’Onlus “Save the Children” e con l”Unicef”. Ha lavorato come redattrice nei quotidiani locali la “Gazzetta di Avellino” e “Ottopagine”.