GIORNATA NAZIONALE BIBLIOTECHE

Il 13 ottobre l’ Italia celebra l’esistenza delle biblioteche e di chi anima questi luoghi incantati, scrigni del sapere.

mondodiluna.it omaggia questa giornata con una piccola raccolta di filastrocche e un video.

Da cantare e suonare insieme ai bambine e alle bambine.

 


PER NON PAGARE I LIBRI IN BIBLIOTECA di Bruno Tognolini:

Se vuoi un bel romanzo di sogni e di draghi

Lo cerchi, lo trovi e lo paghi

Se vai in biblioteca c’è libero accesso

Ma il libro lo paghi lo stesso

C’è un foglio che spiega che cos’è il diritto

Quel libro qualcuno l’ha scritto

È giusto così, faccio una passeggiata

Che bella serata, c’è un’aria incantata

Ammiro una chiesa, una bella facciata

E quella chi l’ha disegnata?

Raccolgo un papavero: e se è brevettato?

Qualcuno dev’esser pagato?

Ammiro un paesaggio, mi piace, mi appaga

Mi volto: dov’è che si paga?

Ma non c’è nessuno che stacca il biglietto

Così torno a casa, mi butto sul letto

Mi viene da piangere, dico: lo accetto

Son qui, pago io, pago tutto

Il mondo è in affitto, li pagherò io

I diritti d’autore di Dio

 


PER LA BIBLIOTECARIA NINA

In una piccola bibliotechina

Bibliotecaria è la piccola Nina

Che tiene lindo di dentro e di fuori

E con i libri fa mazzi di fiori

Nina racconta, Nina consiglia

Per ogni ospite e per ogni gusto

Tiene da parte qualche meraviglia

Sfila dal mazzo il libro più giusto

Quando è finita la lunga giornata

Spegne la luce, chiude la porta

Fa un bel sospiro, è affaticata

E torna a casa per la via più corta

Prima di entrare scuote i capelli

E cade giù come pioggia sui monti

E vola via come stormo d’uccelli

La polverina di cento racconti

 


Alcune delle Poesie sulla Bibioteca dei ragazzi dell 1^C della Scuola di Poesia della Professoressa Daniela Fabrizi (per visualizzare le altre vai QUI)

 

I FIGLI DELLA BIBLIOTECA di Gulied Alì Hassan

I figli della biblioteca sono i libri silenziosi.

Dormono insieme e piangono quando sono chiusi.

I figli della biblioteca vivono nell’immenso silenzio che li culla con le sue braccia di legno.

 


UN FRUTTO di Nicolò Angelelli

La mia biblioteca è un albero

e quando sono triste io ci salgo,

colgo un libro e me lo mangio.

La mia biblioteca è un albero,

dall’alto vedo il mondo

e posso leggerlo tutto fino in fondo.

 


del secondo circolo didattica di Alba (per leggere altre rime vai QUI)

classe 2^ B

FILASTROCCA DELLA BIBLIOTECA

Questa è una filastrocca

Che esce dalla bocca.

Ed ecco i bambini

Vanno a prendere i libricini.

Chiedono alla bibliotecarina

La schedina.

Poi scelgono i libricini

Son belli e carini.

 


Anna 5^A

UN VOLO IN BIBLIOTECA

Se la libertà vuoi trovare,

in biblioteca devi andare.

Libri e giornalini,

per grandi e piccini.

Di miti e leggende,

sei fortunato se la febbre ti prende.

Cassetti e mensoloni,

son pieni di libroni.

Filastrocche e poesie,

raccontate da nonne e zie.

Libri di Storie, Religione e Geografia,

ti vien da cantare una melodia.

Molti libri ti fan volar,

tanti altri ti fan cantar.

 


E per finire un video davvero originale:

I love Biblio – uno spot per la Biblioteca

Premio speciale dell’undicesima edizione del Festival intercomunale di Cinema amatoriale.

Scritto il 13 ottobre 2012, giorno in cui l’Italia per la prima volta celebra l’esistenza delle biblioteche e di chi anima questi luoghi incantati.

GIORNATA NAZIONALE BIBLIOTECHE

mondodiluna.it

mondodiluna.it offre approfondimenti, letture, spunti, strade da percorrere, esperienze scolastiche e atteggiamenti positivi per rendere omaggio ad un periodo della vita umana che ha bisogno di esperienze positive e sostegno. L’infanzia è un tempo prezioso, da vivere con emozione e dolcezza, con consapevolezza e senso civico.